La proposta di transazione fiscale viene approvata dall’Agenzia delle Entrate, nell’ambito della procedura di concordato preventivo, mediante l’espressione del voto favorevole al concordato nell’adunanza dei creditori ovvero per corrispondenza nei venti giorni successivi.

La proposta connessa a un accordo di ristrutturazione dei debiti è invece approvata mediante la stipula di un apposito atto di transazione, il quale deve definire puntualmente gli obblighi che a seguito di tale approvazione ricadono su tutte le parti contraenti dello stesso, cioè l’impresa debitrice, l’Agenzia delle Entrate e l’Agenzia delle Entrate-Riscossione.

Vedasi tre allegati.

Allegato 01
Allegato 02
Allegato 03